10th May 2013


“Jane Eyre”, C. Bronte, Crescere Edizioni

Anche in questo caso, come per “L’abbazia di Northanger”, ho scovato questo classico girovagando fra i libri in offerta di una libreria. Questo libro è stato un colpo di fulmine, di quelli che “non riesco a staccarti gli occhi di dosso!”. Entusiasmante, coinvolgente, intrigante. In “Jane Eyre” si trovano il pianto, il sorriso, la rabbia, l’ironia, la trepidazione. La giovane protagonista ci descrive con accuratezza ed acutezza, ogni personaggio e paesaggio, che nella sua folgorante vita incontra. Impossibile non sentirsi al suo fianco, non vedere ciò che lei stessa vede e ci descrive, non interpretare allo stesso suo modo uno sguardo o una parola rivoltale. Pensate che tutto questo non basti a fungere da calamita? Per passare notti insonni, per riprometterti che arriverai solo alla fine di questo capitolo, poi ti metterai a dormire? Nemmeno la stanchezza sugli occhi è prova sufficiente per farti demordere ed allontanare da lei, Jane Eyre.

Voto: 10 e lode!
Uno stralcio per voi: “Le donne hanno un particolare modo per farvi capire che vi considerano una ‘cafona’ senza pronunciar parola. Una certa freddezza nello sguardo e nei modi, una certa sufficienza nel parlare esprimono pienamente i loro sentimenti in proposito senza che esse debbano compromettersi con qualche esplicita scortesia.”    “Il sentimento senza la ragione è davvero una bevanda annacquata; ma la ragione non temperata dal sentimento è un boccone troppo amaro e duro perché l’uomo lo possa inghiottire.”

2 Responses to “JANE EYRE, IL MIO COLPO DI FULMINE”

  1. Lara Lamperi says:

    Un libro che ho amato, per le atmosfere e per la capacità di immergerti nel racconto.. Ogni donna in un modo o nell’altro è un pò Jane anche se non ha mai letto il libro !

Leave a Reply

Cliccando su "Submit comment" (invia commento) Accetti le condizioni e le Regole sulla privacy e autorizzi l'elaborazione, archiviazione e il trattamento dei tuoi dati personali in ottemperanza alle regole contenute nella Privacy Policy.